Qualsiasi tipo di abbruciamento è vietato dal 1^ Luglio al 31 Agosto Norme per abbruciamento residui vegetali

Se avvisti un incendio di bosco chiama subito uno dei seguenti numeri:
800 425 425 - S.O.U.P. Sala Operativa Unificata Permanente della Regione Toscana -
1515 - Corpo Ferestale dello Stato
115 - Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

Legislazione antincendi boschivi L.R. 39/2000 - Legge Forestale della Toscana -
D.P.G.R. 48/R dell'8/8/2003 Regolamento Forestale della Toscana e successive modifiche.

Tutti gli abbruciamenti, in bosco e fuori dal bosco, devono essere sempre eseguiti in assenza di vento (quando la colonna di fumo sale verticalmente) e con le opportune precauzioni:

  • limitare il materiale da bruciare in piccoli cumuli,
  • la cumbustione deve avvenire ad almeno 20 metri da edifici terzi,
  • utilizzare spazi ripuliti,
  • nelle aree agricole adiacenti a boschi o ubicate ad una distanza inferiore a 200 metri dagli stessi, gli interessati devono realizzare una fascia parafuoco che circoscriva il sito dell'abbruciamento,
  • nelle fascie adiacenti autostrade, ferrovie e grandi vie di comunicazione, entro una fascia di 50 metri, non possono accendersi fuochi nei periodi considerati a rischio antincendio,
  • operare in presenza di un adeguato numero di persone e mai da soli,
  • osservare la sorveglianza della zona fino al completo spegnimento dell'abbruciamento,
  • le ceneri derivanti la combustione del materiale vegetale sono recuperate per la distribuzione sul terreno a fini nutritivi o ammendanti.

La Polizia Municipale nonchè gli altri organi di vigilanza presenti sul territorio sono incaricati di vigilare per l'osservanza delle prescrizioni di cui sopra.